Home page » Servizi al pubblico » Sala studio » Orientarsi nella ricerca

Orientarsi nella ricerca

Chi non ha esperienza di ricerca in un Archivio e si propone di consultarlo per la prima volta, deve tenere conto che i documenti archivistici non sono organizzati né in maniera tematica o per "soggetto", né catalogati secondo un qualche ordine alfabetico. Di norma essi sono organizzati in fondi archivistici sulla base del soggetto (istituzioni pubbliche, enti, persone, famiglie) che, per le proprie finalità, li ha prodotti, ricevuti, raccolti, ordinati e/o conservati nel corso del tempo.

Per indirizzare la ricerca, occorre in primo luogo individuare il nesso fra l'oggetto della ricerca stessa e le competenze, finalità, storia di un determinato soggetto produttore e di conseguenza il fondo archivistico che conserva la documentazione di quel soggetto.

Varie forme di strumenti di ricerca, quali guide, inventari, elenchi sommari, schedari servono ad orientare il ricercatore, illustrando, più o meno dettagliatamente, la provenienza, la storia e la struttura dei fondi, la loro articolazione in serie (cioè in raggruppamenti omogenei di fascicoli o documenti), e fornendo una descrizione più o meno analitica delle singole unità archivistiche e del loro contenuto.

In particolare l'utente che voglia condurre una ricerca fra i fondi dell'Archivio di Stato di Lucca, per acquisire una conoscenza di base, oltre che della consulenza del funzionario presente in Sala, può avvalersi della voce "Lucca" pubblicata negli anni '80, nel secondo volume della Guida Generale degli Archivi di Stato, adesso accessibile anche on-line o può consultare l'elenco dei fondi percorrendone l'albero.

Individuato il fondo che può probabilmente soddisfare le proprie esigenze di ricerca, si devono utilizzare indici ed inventari messi a disposizione in Sala inventari (un certo numero già on-line) per poter identificare e correttamente richiedere in lettura le singole unità archivistiche o i singoli documenti.
La consultazione dei suddetti strumenti è permessa liberamente sui tavoli appositamente predisposti in Sala Inventari.
Al termine della consultazione gli inventari devono essere ricollocati nel medesimo posto dal quale sono stati prelevati.

Lo studio delle fonti documentarie può essere integrato o associato con quello delle fonti bibliografiche della Biblioteca dell'Archivio. In Sala inventari è possibile consultare i cataloghi bibliografici sia in cartaceo che on line.

Per familiarizzarsi con la terminologia archivistica si consiglia all'utente che ne abbia necessità, di consultare autorevoli glossari, come quello presente sul sito del Progetto Lombardo Archivi in Linea (PLAIN) .