Home page » Chi siamo » Sedi

Sedi

Sede principale

La sede principale occupa il cinquecentesco palazzo Guidiccioni: acquistato dalla duchessa Maria Luisa di Borbone sin dal 1822 per farne la sede dell'Archivio dello Stato, ma aperto al pubblico solo nel 1860 grazie all'instancabile lavoro condotto da Salvatore Bongi per trasferirvi e dare organica sistemazione alla documentazione pubblica lucchese, rimasta materialmente distinta tra Cancelleria generale o dello Stato e Camera delle Scritture anche dopo quella prima ufficiale nascita di uno specifico Archivio dello Stato decretata il 27 agosto 1804 per raccogliere ordinatamente tutte le carte della caduta Repubblica aristocratica lucchese. [Vicende dei Pubblici Archivi di Lucca]


Sede Sussidiaria

Nell'attuale sede succursale al n. 155 di via dei Pubblici Macelli, in Lucca, si trovano conservati alcuni dei fondi archivistici di maggiore dimensione, tra cui: Archivio dei Notari, Catasto, Prefettura, Tribunali postunitari.

Per essa valgono le stesse regole stabilite per la sede principale di Palazzo Guidiccioni ai fini della consultazione. La procedura d'accesso per la sala di studio della sede succursale funziona del tutto analogamente a quella della sede principale.

Gli importanti lavori di restauro dei vecchi Pubblici Macelli hanno sia consentito il trasferimento completo dei fondi che erano conservati nei precedenti magazzini in affitto e sia nuovi e cospicui versamenti di carte di archivi postunitari dai locali uffici periferici dello Stato.

La realizzazione di tale nuova sede, situata appena fuori Porta Elisa e perciò di agevole raggiungimento per gli utenti, si configura come un ambizioso recupero di un'architettura del secolo scorso oltre che un lungimirante potenziamento delle capacità conservative e culturali dell'Archivio lucchese.